Numero verde 800 200 952

NEWS

Cosa occorre per prendersi cura di un anziano in casa? Personale, competenze strumenti

cura-anziano-in-casa

Quando si comincia a prendere coscienza del fatto che un genitore, uno zio o un parente anziano fa sempre più fatica a svolgere le proprie attività di vita quotidiana, tendenzialmente si inizia subito a pensare a una soluzione.

Nella maggior parte dei casi, figli e nipoti si prendono inizialmente carico dell’assistenza domestica del proprio parente, finché le necessità non cominciano ad aumentare e si rende quindi necessario il supporto di figure competenti per buona parte della giornata.

Assistenza domestica anziani: personale e competenze

Non ci si può improvvisare assistenti domiciliari. Servono competenze, un minimo di esperienza, pazienza e devozione.

Prima di decidere di assumere una badante spesso le famiglie scelgono di usufruire dei servizi assistenziali offerti dal proprio comune o dalla ASL: si tratta di servizi a ore, erogati da operatori socio-sanitari, che si occupano di assistere l’anziano soprattutto dal punto di vista sanitario (medicazioni, somministrazione di terapie, fisioterapia…). OSS e infermieri sono operatori con competenze sanitarie, che percepiscono una retribuzione commisurata alla loro preparazione medica.

La badante, invece, non ha particolari competenze mediche, ma acquisisce le basi per il proprio lavoro grazie all’esperienza. Ed è grazie all’esperienza che, nella maggior parte dei casi, si rivela la figura più idonea per assistere l’anziano nel momento in cui non possa più essere lasciato solo per lunghi periodi. La famiglia si ritrova quindi a scegliere se sia più appropriato avvalersi del servizio di una badante a ore o convivente, una figura di supporto che permetta alla persona anziana di restare a casa propria e di non sconvolgere completamente le proprie abitudini.

Ecco qualche consiglio per aiutare la persona anziana ad accettare la badante >>

Nel momento in cui la famiglia decide di affidarsi a un’agenzia interinale come Adele Family Worker, dovrà anche fidarsi totalmente delle sue competenze di selezione, che mirano a scegliere una persona paziente, comprensiva, amichevole e sorridente, ma anche tosta, di polso e competente in materia di cura della persona. Spesso non basta, infatti, essere empatici e di compagnia, ma occorre avere un minimo di dimestichezza con le basilari attività assistenziali di vita quotidiana.

Quali sono gli strumenti utili per l’assistenza di un anziano in casa?

Dalla somministrazione di farmaci al monitoraggio generale della salute, sono diversi gli strumenti con cui un caregiver deve prendere dimestichezza:

  • Per la salute: termometro, misuratore di pressione, glucometro, scatola porta farmaci;
  • Per la deambulazione: carrozzina, deambulatore, stampelle, quadripode;
  • Per il bagno: sedile/sgabello per doccia o sedia per vasca da bagno; sedia da comodo; braccioli toilette, rialzo WC, barra con portarotolo, pappagallo;
  • Per il letto: sponde da letto, alzacuscino reggischiena, materasso e cuscino antidecubito, sollevatore, traverse e protezioni per incontinenza, cintura di contenimento, maniglia di sicurezza.

Senza contare altri strumenti di comune utilizzo come cellulare o telecomando salvavita e luce notturna.

Chi si prende cura della persona anziana non deve trascurare alcun aspetto: dalla preparazione dei pasti alla certezza che i farmaci siano stati correttamente assunti, dalla pulizia dell’ambiente e della persona al “tenere compagnia”, ogni competenza messa in atto contribuisce a donare serenità e sicurezza alla persona assistita.